Auguri Harry Potter

Harry Potter è arrivato nel giugno 1997 in libreria, in punta di piedi, in un’Europa che scivolava nella crisi economica, nel precariato e nella disoccupazione, nel pessimismo e nella diffidenza.

Forse è per questo che è stato uno straordinario successo.
Nell’era precedente e nella generazione dei Mont Claire, dei Duran Duran, del Roland Garros, e dei Rolex, dei cartoni animati, dei Goonies e di Ritorno al Futuro, l’ottimismo rumoroso degli anni 80, illusorio e anestetizzante, ha trasmesso un’attenzione alla materialità con poco spazio per il sogno.
Ai bambini degli anni 2000 Harry Potter ha fatto un regalo straordinario: quello di non lasciarli soli, in un mondo che aveva spento favole e sogni da promettere.
A noi adulti o giovani, quello di ricordarci che anche nei momenti di  autentica difficoltà, un libro salva la vita.

500 milioni di copie vendute, tradotto in 70 lingue tra cui greco e latino, Harry Potter è ancora oggi una cultura, un ponte generazionale, un sorriso complice che viene trasmesso, ormai, dai suoi “compagni di classe” di quei primi anni duemila, a quanti, successivamente, hanno raggiunto Hogwarts, si sono cacciati in testa il cappello parlante, sono stati smistati in una delle storiche case della scuola di magia, indossando i colori di Grifondoro, Tassorosso, Corvonero e Serpeverde, hanno scelto la loro bacchetta da Olivander, hanno frequentato le lezioni di Trasfigurazione di Minerva McGrannit e imparato come piange una fenice.
Hanno assaggiato una burrobirra e usato le caccabombe.
Poi hanno anche cercato affannosamente su internet come farsene una a casa, di burrobirra, o hanno trafficato con i pc e coi cellulari per filmarsi nell’atto di scoprire il proprio Patronus o hanno scritto, fantasticando di nuove avventure dei propri eroi su carta e word; hanno aperto blog e pagine Facebook o sono volati a Orlando nel bellissimo Parco  a tema, unico degno di affiancare quello leggendario della Disney tanto da diventare un obiettivo per centinaia di famiglie; hanno letto e cercato su Pottermore ogni novità inedita capace di dare nuova scintilla di fantasia a quella straordinaria avventura di Harry Potter che sembra, davvero, non smettere di incantare giovani, vecchi e bambini.

I Potteriani non hanno tempo nè età, sono una natura e un’essenza che attraversa i ruoli ordinari nel rapporto tra lettore e pagina: non sono stati solo lettori o spettatori, ma protagonisti.
Perchè Harry Potter ha in sè questa straordinaria magia di trasmettere una coscienza profonda: che siamo tutti parte di quella lotta tra bene e male che è in noi stessi e della quale, di volta in volta, maturando i passi della vita, siamo la dimostrazione.
Harry Potter, come noi, non è l’eroe perfetto, sbaglia, ha paura, è consapevole di quell’ambizione umana che talvolta, nello sforzo di concentrarsi sull’orizzonte, dimentica di guardarsi vicino, di difendere e tutelare quello che alla vita dà un valore profondo: un credo, amore, amicizia, fedeltà, valori, come scelte, non dati scontati, come una lotta quotidiana con se stessi e con le proprie priorità.

La bellezza di un libro che racconta di uomini capaci di piangere e ragazze capaci di scegliere davvero conoscenza e carattere invece di un provino per un concorso, di amori non ricambiati eppure capaci di non dimenticare e di dimostrarsi, sempre, coerenti con il sentire, di destini che appaiono scritti eppure possiamo cambiare con la fatica e con la capacità di metterci in discussione, nel guardare ben oltre l’apparenza, con sguardo critico e mai scontato, anche quello che ci sembra evidente.

E’ bello sapere che da qualche parte esiste il binario 9 e 3/4.
C’è chi ci mette di più, chi di meno a rispondere alla lettera e a fare i bagagli.

Il biglietto ce l’ha Harry, sempre là, che sbuca con una cioccorana come un segnalibro da uno di quei pochi, rari tomi, sempre sbilenchi e sporgenti da una mensola, senza polvere perchè, senza comprenderne bene il motivo, ti trovi a sfogliarlo troppo spesso. Forse  per ricordarti, chissà, che no, non sei un babbano e che imparerai a dirlo prima o poi: “Wingardium LEVIOSA, non leviosàah.”.

Giuditta Simoncelli

Condividi

Un pensiero riguardo “Auguri Harry Potter

  • 5 luglio 2017 in 22:13
    Permalink

    Se un giorno riuscissi ad incontrare J. K. Rowling avrei soltanto una cosa da dirle, chi mi conosce sa che la dico spesso..: non sarei la persona che sono oggi se non avessi letto Harry Potter.

    Mi è sempre piaciuto pensare che tra le cose da dire ad un autore, soprattutto ad un autore di libri per ragazzi.. questa possa essere la più bella.

Lascia un commento

Vai alla barra degli strumenti